Fig. 179. Statue di Faust e Mefistofele. Monumento a Goethe nella Villa Umberto I^. Roma (Italia)

Dati storici:

Il dottor Faust è un personaggio storico vissuto in Germania tra il 1480 e il 1550. Era un semplice truffatore che, spacciandosi per Principe dei Negromanti, si guadagnava da vivere esibendo le sue “arti magiche” nelle osterie. Nonostante fossero semplici trucchi, eseguiti con la complicità dell’oste, correva voce che i suo poteri derivassero da un patto col diavolo, a cui aveva venduto l’anima in cambio del sapere universale.

Interpretazioni psicologiche:

Lo spunto storico, rielaborato in opere teatrali e letterarie, ha fatto poi del dottor Faust l’archetipo dello scienziato moderno che intende conoscere e padroneggiare il mondo al di fuori dei limiti posti dalle autorità religiose o da una presunta volontà divina. Un atteggiamento che dai pregiudizi della Chiesa e della mentalità popolare è stato considerato diabolico fino a pochi secoli fa. Mefistofele, che significa “negatore di luce”, è uno dei nomi attribuiti al diavolo dalla tradizione medievale e potrebbe rappresentare il mondo dei fenomeni naturali e della materia, dal Cristianesimo visto di per sé come fonte di peccato, che si relaziona direttamente con lo scienziato senza l’intermediazione delle teorie religiose.

>> Chiudi