Fig. 54. Buddha seduto. Banon, Battambang (Cambogia)

Miti relativi:

Il cobra dalle molte teste che sta dietro la figura del Buddha (e sulle cui spire probabilmente il Buddha è seduto), è il re dei Naga, gli spiriti serpenti della tradizione induista, che normalmente tiene in equilibrio la Terra sulla testa. A differenza di molte tradizioni in cui il serpente è demonizzato come simbolo del male, qui è visto come una creatura positiva, perché sovrastando il Buddha mentre stava seduto a meditare dopo aver raggiunto l’illuminazione, lo aveva protetto una tempesta (un probabile simbolo della violenza e della frenesia del mondo), e per questo è considerato sacro dai Buddhisti.

Paralleli culturali:

Questo mito sottolinea una continuità tra il Buddhismo e gli antichi culti matriarcali in cui i serpenti erano simboli di vari aspetti del mondo naturale, in particolare del ciclo di morte e rinascita, degli opposti che separandosi e riunendosi generano tale ciclo e delle energie interiori più basse che, opportunamente utilizzate, fanno ascendere a livelli superiori della coscienza (vedi nota alla figura 45). La risalita improvvisa del grande serpente dalle profondità sotterranee fino al punto al di sopra della testa del Buddha, corrisponde esattamente al percorso che nelle pratiche yoga compie l’energia kundalini attraverso i sette chakra, per raggiungere uno stato di coscienza al di là delle forme, equivalente evidentemente all’illuminazione buddhista, ma anche all’unione con Dio di altre tradizioni (vedi nota alla figura 31).

Interpretazioni storiche:

Questa tipo di statua è caratteristica dell’arte khmer della Cambogia, forse proprio perché permette di collegare la figura del Buddha agli spiriti della natura dei culti pre-buddhisti, infatti il re Naga ha un ruolo importante nelle leggende relative alla nascita dello stato Khmer.

Interpretazioni tradizionali:

La posizione delle mani del Buddha corrisponde al Dhyani-Mudra (mudra della meditazione). La mano destra che sta sopra rappresenta il nirvana e la mano sinistra che sta sotto rappresenta il mondo terreno.

>> Chiudi